E’ una notizia non recente, risale al 1 luglio 2012 ma ne diamo spazio in questo blog per comunicare al massimo come stanno le cose. L’Antitrust ha comminato una multa di 900mila euro a Apple per pratiche scorrette riguardo alla garanzia che gli utenti sanno per certo essere di due anni ma che al momento dell’acquisto si sentono dire dal negoziante che la garanzia è di un anno e che l’estensione di un altro anno ha un costo aggiuntivo. la legge italiana parla chiaro: chi vende prodotti elettrici, elettronici in Italia deve fornire una garanzia di 24 mesi, pena la sospensione della licenza di vendita nel nostro paese. Ci si domanda come mai l’Antitrust abbia preso così tardi questa decisione visto che non si conoscono casi a memoria d’uomo di prodotti Apple garantiti 2 anni da 30 anni a questa parte. Di sicuro un piccolo produttore sarebbe stato subito cacciato ma qui gli interessi in ballo sono tanti e la Apple prende tempo. Ha fatto ricorso al TAR non si con quali motivazioni. Certo è che per l’Antitrust se non si adegua in tempi brevi cambiando le politiche di garanzia la multa potrebbe passare a 300 milioni di euro, cifra considerevole rispetto al solletico dei 900 mila euro. L’estrema ratio sarà la sospensione delle vendite. Sarebbe il caso che le associazioni di consumatori sensibilizzassero di più le autorità sull’argomento in modo da tenerlo sott’occhio ed evitare che tutto finisca nel dimenticatoio.Watch Cyberbully (2015) Full Movie Online Streaming Online and Download

multa antitrust apple il codacons valuta la class
multa antitrust apple il codacons valuta la class

E’ vero che molti sanno della limitazione della garanzia e acquistano lo stesso. Io per primo ho acquistato un iphone consapevole di cosa andavo incontro tuttavia questo non è un buon motivo per violare la legge. L’assistenza post vendita è un costo che chi vende deve accollarsi per ben 2 anni e la pratica di Apple sicuramente ha portato ad avere ulteriori introiti dalle estensioni di garanzia che spesso arrivano a costare oltre il 10% del costo dell’oggetto facendolo lievitare proprio al momento della vendita, quando il cliente preso dall’euforia del nuovo acquisto e nel timore che questo possa subire guasti dopo i primi 12 mesi accetta di buon grado la proposta del negoziante.